Forum Radio e TV Private locali amatoriali FM AM, dagli anni 70 ad oggi - Da Giorgio Marsiglio: nota su requisiti finanziari richiesti dal MISE per bando onde medie
Forum Radio e TV Private locali amatoriali FM AM, dagli anni 70 ad oggi

Forum Radio e TV Private locali amatoriali FM AM, dagli anni 70 ad oggi
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
 Tutti i Forum
 Radio private (radio libere anni 70) TV Radio Trasmissioni - parliamone
 La Radio e la Legge
 Da Giorgio Marsiglio: nota su requisiti finanziari richiesti dal MISE per bando onde medie
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

gianluca
Amministratore


Città: Lidi e dintorni


716 Messaggi


Inserito il - 06/03/2017 : 17:39:54  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di gianluca Invia a gianluca un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Invio, a titolo informativo, copia della nota che ho inviato ad alcuni destinatari istituzionali, a riguardo della dichiarazione di istituto di credito attestante l’affidabilità finanziaria del soggetto partecipante, prevista nel bando per l'assegnazione delle frequenze in onde medie asincrone.

Cordiali saluti.

Giorgio Marsiglio

AI Signor Ministro
dello Sviluppo Economico
ROMA
segreteria.min astro(8 m ise.eov.it
PEC: segr.min(&D€c,mise.gov.it
mail
AI Signor Presidente
dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
ROMA
mail: $€g!.glgrÌa.cardano(aagcom.it
PEC: 491QIB(@gert.agcom.it
Alla Direzione Infrastrutture e Servizi di Media
dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
ROMA
mail: dis(8agcom.it
PEC: Bgw©(4jcert.agcom.it
Alla Direzione Generale per i Servizi di
Comunicazione elettronica, Radiodiffusione e Postali -
Divisione IV
del Ministero dello Sviluppo Economico
ROMA
mail: gjQy4B!!j,gagliano(emise.gov.it
PEC: !!g$cg!».diY04(@Dec.mise.gov.it
Alla Direzione Generale delle Reti di
Comunicazione, dei Contenuti e delle Tecnologie
Direzione B (Reti e Servizi
di comunicazione elettronica)
Unità B.l (Attuazione
del quadro normativo)
della Commissione Europea
BRUSSELS - BRUXELLES
mail: DCo f.Dietrich.Grussm8yH(@ec.europa.eu
.';-'$i :. ,.. - ': '.::
AI Signor Sottosegretario
alla Presidenza del Consiglio
con delega alle Politiche e agli Affari europei
ROMA
mail: segreteriagozi(Zaoverno.it
PEC: info.llolhicheeuropee(@JlgQ,governo.it
Oggetto: caso EU Pilot n. 3473/]2/INSO. OsservazioMd el denunciantea lle prescrizionid i
carattere finanziario contenute nel bando in data l' febbraio 2017 (prot. n. 0008004) per la
procedura comparativa per l'assegnazione delle frequenze asincrono in onde medie (art. 5, comma
) ett
Valdobbiadene, 6 marzo 2017
l
1] sottoscritto, in qualità di autore della denuncia che ha por%to all'apertura del Caso EU Pilot
3473/12/INFO, di cui all'articolo 24-bis del Decreto Legislativo 31 luglio 2005, n. 177 e alla
delibera AGCOM n. 3/16/CONS, comunica quanto segue.
Premessa
In data l' febbraio 2017 (prot. n. 0008004), il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE)
pubblicava il bando per ]a procedura comparativa per l'assegnazione delle frequenze asincrono in
onde medie (consultabile all'indirizzo '
Q comparativa onde medie 1-2-
20] 7.ndf )
con scadenza 15 marzo 20 17 .
In data 28 febbraio -- ad appena due settimane dalla scadenza -- il MISE ha Hìnalmente pubblicato le
risposte ai quesiti, fomlulati dai soggetti ammessi alla procedura medesima.
Va rilevato, innanzitutto, il poco tempo rimasto ormai ai soggetti partecipanti per far fronte agli
adempimenti che solo ora sono stati chiariti dagli uffici ministeriali; inoltre, l'elenco di tali soggeni
è stato modiHìcatod ue vo]te (prima i] 16 e poi i] 21 febbraio 2017), con conseguented isparità di
trattamento nel far fronte ai notevo]i adempimenti richiesti da] bando di gara, per quelli che sono
stati inseriti successivamente.
Ancor più grave, però, e con sicure conseguenze sul pemìanere della procedura di infrazione da
parte della Commissione Europea, è quanto si va ora ad illustrare a riguardo della risposta data dagli
ufHlci ministeriali in riferimento a]]'art. 5, comma ], ]ett. e9 de] bando, ai sensi'del quale "Za
iolanda di partecipazione deve essere corredata, g...pg!!g...4L..S$!ing!!!ang, dalla seguente
:iocumentazìone: (...)in caso di soggetto nuovo entrante, come definito aì sensi dell'art. l della
)etibera Agcom 3/16/'CONS, a!!ostante l'affidabilità ftnattzìctrìa
Una clausola illegittima
Tra. i quesiti posti al MISE (consultabili all'indirizzo
, il più
ricorrente è il seguente:
qual è la Fario nomìativa secondo la quale la mancata presentazione -- nel solo caso del <<soggetto
nuovo entrante>>- della dichiarazione di istituto di credito attestantel 'afHldabilità finanziaria (di
cui all'art. 5, lettera e del Bando) costituirebbe motivo di esclusione dalla graduatoria ?
La risposta del Ministero è stata la seguente: "7/ decreto /eggs/Ulivo/ 77;/200.5e fuf/a /a /zormaf/va l/z
naterìa di comunicazionip revedono come principio .fondamentalei l buon uso dello spettro
adioelettrico; la gestione di una .sequenza assegnata presuppone ingenti investimenti per i! suo
lso, per cuì è perfettamentele gittimoc he il Mlinisteror ichieda delle garanzieJ ìnanziarìep er
:utelare il buon uso dellafrequenza. ''
La risposta delle Autorità italiane è da considerarsi gravissima, premesso in via di principio che la
deHlnizioned i«saggerfo ovo e framfe», dettatad all'articolo l della Delibera Agcom 3/16/CONS,
non prevede alcuna caratteristica legata a requisiti di carattere finanziario e considerato nei faM che
nessuna banca rilascerà tale documento ad una associazione con un conto appena aperto.
2
la richiesta dichiarazione bancaria appariva essere
illegittimamente dal Ministero, con conseguente annullabilità di eventuali esclusioni
in futuro risultassero motivate dalla mancata presentazione della stessa.
A tale proposito, è infatti necessario evidenziare quanto segue
1) 1'art. 24-ófsi del decreto legislativo 17 7/2005, peraltro invocato dallo stesso Ministero, affemìa
chiaramente che l'individuazione dei criteri e delle modalità di assegnazione delle frequenze
radio in onde medie a modulazione di ampiezza (AM) spetta esclusivamente all'Autorità [per le
Garanzie ne]]e Comunicazioni]
Detti criteri e modalità sono stati appunto già stabiliti nel dettaglio dall'Autorità con delibera n.
3/16 /CONS, con conseguente ingiustificata (oltre che illegittima) attività integrativa da parte del
MISE
E, come precedentemente affermato, nulla aveva stabilito l'AGCOM per quanto riguarda
l'eventualegaranzia di carattere finanziario; conseguentemente, nulla può adesso chiedere il MISf
in aggiunta alla gtà nutrita documentazione prevista dall'Autorità.
2) il citato articolo 24-óls specifica che i'Autorità, nell'individuare i criteri e le modalità di
assegnazione delle frequenze radio in onde medie a modulazione di ampiezza (AM), deve tener
conto dei principi di cui agli articoli 27, comma 5, e 29, comma 3, del Codice delle
comunicazioni elettroniche (Decreto legislativo l agosto 2003, n. 259), che di seguito vengono
riportati:
(ùrt. 27, comma 5) "1 diritti dì uso delle frequenze radio e dei numeri sono rilasciati mediante
procedure aperte, obietta-ve, trasparenti, .Nel celso delle
frequenze radio il Ministero, nel rilasciare i diritti, precisa se essi siano trasferibili su iniziativa
del detentore degli stessi e cl quali condìzìortì,c onformementea tl'articolo 14. Una deroga ai
requisiti per te procedure aperte può essere applicata quando il rilascio dì diritti individuali
d'uso delle frequenze radio per !a di#usìone di contenuti radiofonici o televisivi è necessario per
conseguire un obiettivo di interesse generale con/orme alla normativa dell' Unioni:ee uropea.
(art. 29, comma 3) " Qualora sia necessario concedere in numero limitato i diritti individuati dì
uso delle frequenze radio, il Ministero invita a presentare domanda per la concessione dei diritti
dì uso e ne ejjettual 'assegnazionei n base a procedure stabilite dall'Autorità. Tali criteri dì
selezione devono essere obiettivi, trasparenti, e dwono
tenere in adeguata cottsìderazìone gli obiettivi dì cuì all'articolo 13 e le prescrizioni dì cui
all'articolo 14 del Codice. ''
Quanto sopra conferma che è solo l'Autorità, non certo il Ministero, a dettare le procedure e che i
criteri in esse contenuti devono caratterizzarsi per la loro accessibilità a tutti i soggetti Interessati
l Introdotto con l'art. 4 della legge 29 luglio 2015, n. 115 (legge europea 2014).
ì Cart. 24-bis) "-. le frequenze radio in onde medie a modulazioned i ampiezza(AM) possonoe ssere assegnated al
Ministero per le trasmissioni di radiodi#usione sonora ... anche a soggetti nuovi entranti, gIggIa.!!Ìdlyjduazioned ei
criteri e dejjg -. e in modo da consentire un uso e#iciente dello spettro
radioelettrico ..."
3
6cara/fere on discrlmlizafarfo9 e per il fatto di non richiedere niente che sia eccessivo rispetto allo
scopo perseguito (proporzla/za/ifà9.
E quanto ciò sia vero è confemìato dal fatto che è sempre l'Autorità, nelle premesse alla propria
delibera n. 3/16/CONS, ad affemìare quanto segue:
sì ritiene utile alina'e ulteriormente glì elemeltti di valutazione ed i relativi punteggi previsti nella proposta di
Regolamento, al .fine dì renderli concretamente selettivi e funzìoYìali atto wolgìmento delta procedura di selezione
comparativa. In questo senso, considerato che to scopo della selezione è quetta di individuare il soggetto destinatario
dei diritti d'uso delle) 'equense radio in onde mediea modulazioned ì ampiezza(AM), appare opportunoa tùìbuìre
pmticolare rilievo, ai fini dell'attribuzioned et punteggio,a lla qualità det progettod i impiego della risorsa
radhelettricu, tenetìdo conto dei seguenti parametri: tempi dì realizzazione della singola stazione trasmittente/rete,
estensione territoriale della copertura, innovazione tecnologìccl della singola stazione/rete, utilizzo di tecnologe
digitali(quali ad esempio il DRM) nonché quantità e varietà della programmazione da veicolare, con particolare
riferimento aì contenuti wenti$ttalìtà sociale o dì pubblica utilità. Si prevede pertatìto che tale voce assegni fino ad un
massimo dì 40 punti.
Inolae, nel confermare glì altri elementi dl valutazione, con riferimento appiano dì ìntìlestìmentpi revisto per realizzare
ìlprogetto dì impiego delfo risorsa radìoetellrìca, si prwede che tale voce assegni lino ad uìt mwsìmo di 25 punti.
In$ne, circa gli ulteriori criteri, condìvUendo l'esìgenw rappresentata, di non attribuire particolare peso alla .b!;a.
econotMca del soggetto partecipante àRa sdtziont. allo scopo di ljbvorire concretamentel 'ingresso nel mercato di
ttuovi operatori, si prevede che h voce relativa alla potenzialità economica del soggetto richiedente assegni .Rno ad un
massimo dì ]0 punti. Per la medesime rctgìoni, sì pre'Vede che la voce relativa alla qualifica dì soggetto nuovo entrante
ctssegn2i 5 punti.
Si ritiene che non vi sia dubbio alcuno che "/ '({@daó////à ./ìnanz/czr/a de/ .Fogge//o par/ec@czm/e"
(che secondo gÌI uffici ministeriali va attestare da un istituto di credito, a pena di esclusione), altro
non è che la '»o/enz/a/l/àe conomic'a"( o 'forza economica") che per l'Autorità è soggettaa
semp[ice valutazione per ]'attribuzione di massimo 1 0 punti.
Conclusioni
Da quanto sopra richamato appare, in tutta la sua evidenza, che vi ha già pensato l'AGCOM a
tenere in debita considerazione i! c.d. "buon uso dello spettro radioelettrico" (dall'AGCOM
denominato "qualità del progetto di impiego della risorsa radioelettrica"), solo che essa -- a
differenza del MISE - lo ha ricondotto, più logicamente, al rispetto di parametri di carattere tecnico
ed editoriale e non di certo di carattere economico o 6lnanziario.
AI contrario, è sempre l'Autorità -- a differenza degli uffici ministeriali - a non aver voluto
attribuire particolare peso alla forza economica del soggetto partecipante alla selezione,
prevedendo l'attribuzione di un punteggio massimo di 10 su 100 complessivi per la voce
"potenzialità economica del soggetto richiedente", e non certo l'esclusione dalla graduatoria
erroneamente ed illegittimamente prevista dal Ministero.
E' anche da dire, a corollario di quanto argomentato nino a questo punto, che se dawero per gli
uffici ministeriali fosse assolutamente necessaria una "dichiarazione di istituto di credito attestante
['afTìdabi]itàH lnanziariad e] soggettop artecipante",e ssa venebbe richiesta non solo per i soggetti
nuovi entranti, ma per chiunque avesse inteso ottenere il rilascio del diritto d'uso di una frequenza
in onde medie (compresi coloro che l'hanno già ottenuta per assenza di richieste concorrenti sulle
medesime frequenza e ubicazione della stazione trasmittente), in quanto il c.d. "buon uso dello
spettro radioelettrico" certamente deve essere garantito da qualunque utilizzatore e non dai soli
soggetti nuovi entranti.
4
Da ultimo, l'esame degli articoli 13 e 14 del Codice delle comunicazioni elettroniche (richiamati dai
citati ar«. 27 e 29 del medesimo testo nomìativo) evidenzia che il Ministero e l'Autorità devono
promuovere la conconenza nella fomitura delle reti e dei servizi di comunicazione elettronica
garantendo che non abbiano luogo distorsioni e restrizion della concorrenza 6aa /3, comma 4 Zeit
ó9 e stabilendo nomìe volte a impedire llaccaparramentod i óeauenze 6a/t. /4, com»m 9.
Quelli appena ricordati sono gli obiettivi e le prescrizioni che tanto l'Autorità quanto il Ministero
devono tenere ben presenti quando pongono prescrizioni a salvaguardia dell'uso efficiente dello
spettro (art. 14, comma 3, lett. e) volta ad evitare un uso inefficiente delle radiofrequenze 6aa /4,
cellula 5, /eK c9; tutto ciò, però, sempre promuovendo il pluralismo dei mezzi di comunicazione
(aM 13, comma 3; art 14, comltlu 5, lett d).
Bilanciamento di interessi, quello ora espostot ra efHlcienzae pluralismo , che viene ben garantito
solo dalle disposizioni regolamentari dell'Autorità, non certo dalle disposizioni a carattere
amministrativod el bando emanatod al Ministero in data l' febbraio 2017, 1'illegittimitàd el quale
con la presente nota si è inteso denunciare .
Richieste
Per quanto sopra esposto, i] sottoscritto denunciante chiede
al Ministero dello Sviluppo Economico
- l'annullamento -- in via di autotutela - dell'art. 5, comma l, lett. e) del bando in data l' febbraio
20]7 (prot. n. 0008004) per la procedura comparativa per l'assegnazione delle frequenze
asincrono in onde medie,
- il differimento del temìine -- ora Hlssato al 15 marzo 2017 -- di scadenza per la presentazione
de[[e domande di partecipazione a] bando medesimo;
all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
- di esercitare nei confronti del Ministero dello Sviluppo Economico i propri poteri a tutela della
concorrenza, del pluralismo e del diritto di libertà di comunicazione dei cittadini, ottenendo dal
Ministero dello Sviluppo Economico l'annullamento - in via di autotutela - dell'art. 5, comma
1, lett. e) del bando in data l' febbraio 2017 (prot. n. 0008004) per la procedura comparativa per
l'assegnazione delle frequenze asincrono in onde medie e il differimento del termine - ora fissato
al 15 marzo 2017 -- di scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione al bando
medesimo;
alla Commissione Europea
- di considerare quanto sopra decritto per il mantenimento della procedura di infrazione attivata
nei confronti de]]o Stato ita]iano, di cui a] caso EU Pi]ot n. 3473/12/INFO, valutando i]
passaggio alla fase di "messa in mora"
Con ossequio
Giorgio Marsiglio

Contattami per segnalare eventi e notizie sulla radiofonia pubblica e privata gianluca.mari(chiocciola)yahoo.it
Grazie
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Radio e TV Private locali amatoriali FM AM, dagli anni 70 ad oggi © 2000 - 2018 Gianluca Mari Torna all'inizio della Pagina
| Radio FM Libera | Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000

eXTReMe Tracker